giovedì 15 aprile 2010

Scherzi del c...Andrea Cometta denunciato e censurato.[exibart]


“Sono scatti rubati ma molto più spesso persone messe all'angolo dagli eventi della vita e da quel lurido bastardo che sono... con grande rispetto e tenerezza, comunque”. Scatti rubati, dice del suo lavoro il fotografo svizzero Andrea Cometta: alla luce di quanto segue, una sorta di “confessione”.
I fatti: il 1 aprile Cometta inaugura una sua personale presso la galleria VisionQuest di Genova; quindici fotografie in bianco e nero fra ritratti e nudi, titolo Ceci n'est pas un poisson. Tra i ritratti allestiti in galleria ce n'è uno che riprende l'artista Giovanni Battista Rizzoli, nudo, sulla propria barca. “Consapevole di essere davanti all'obiettivo di un amico-collega-artista”, assicura la fonte da cui apprendiamo la cosa.
Ma durante il vernissage arriva la polizia, che impone al fotografo e alla gallerista di togliere dalla mostra il ritratto di Rizzoli (lo vedete sopra, schermato da noi nelle parti presumibilmente “incriminate”). Tutto qui? No, perché dall'”amico” (ormai ex, si direbbe) gli arriva anche una denuncia, per la quale Cometta compare in giudizio proprio oggi, mentre leggete queste righe...

Nessun commento:

Posta un commento